x Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies Accetto
Seguici su Facebook

Isola d'Elba
Distanze: PUNTA ALA 15 nm CAPRAIA 26 nm GIGLIO 30 nm

Arcipelago Toscanao - Isola d'Elba, barca a vela in toscana

Il capoluogo dell'Elba è Portoferraio, collegato via mare con la terraferma a Piombino tramite numerosi traghetti e aliscafi che approdano anche in altri porti minori dell'isola. Il porto mediceo di Portoferraio è uno tra i più belli e suggestivi del mediterraneo ed è un ridosso molto sicuro con quasi tutti i venti.

Numerose sono le bellezze paesaggistiche che offre la costa di questa isola che ha un notevole sviluppi e che in barca a vela si può circunnavigare tranquillamente in due giorni. Girando l'isola in senso antiorario e partendo appunto da Portoferraio, per prima si incontra la punta dell'Enfola e in successione i golfi di Viticcio, Biodola e Procchio fino ad arrivare a Marciana Marina.

Questo è un ottimo porto attrezzato e il miglior approdo per che intende recarsi poi in Capraia o in Corsica. Il paesino è piacevole ma un po' affollato d'estate. Vi si trova comunque tutto quanto necessita a chi naviga. Proseguendo la navigazione incontriamo la graziosa cala di Sant'Andrea a cui fa seguito una lunga costa più brulla e rocciosa che si apre verso sud ovest e ricorda in alcuni punti la costa Sarda. Si passano i piccoli paesi di Cavoli e Seccheto fino ad arrivare a Fetovaia, una bellissima cala ben ridossata dai venti di Maestrale, ottima per una sosta diurna e per un piacevole bagno. Più avanti si aprono tre grandi golfi il primo dei quali è quello di Marina di Campo. Questa località ha una grande spiaggia con bassi fondali e non è molto adatta alla sosta notturna in quanto c'è spesso una fastidiosa risacca. A seguire il golfo di Lacona con in fondo due grandi campeggi. Il terzo golfo si chiama Stella ed è il più bello. Una spiaggia con fondale buon tenitore che permette alle imbarcazioni di passare la notte in sicurezza anche con venti tesi, provenienti dal quarto e dal primo quadrante. In questo golfo si susseguono delle spiagge deliziose a partire da quella del Lido e a seguire Zuccale, Barabarca, gli Stecchi, le Grazie, Morcone, Pareti e l'Innamorata. Scapolati gli scogli detti i Gemini arriviamo nella zona delle vecchie miniere di ferro, oggi in disuso, che dal mare e da un punto di vista paesaggistico rappresentano ancora una ferita aperta nello splendido paesaggio dell'isola. Scapolata punta Calamita, un nome che vi fa capire quanto impazzisca la bussola delle barche nelle sue vicinanze, si procede in direzione di Porto Azzurro, incontrando prima altri splendidi approdi quali Cala Nova e Straccoligno.


barca a vela in toscana meteo

Dopo Portoferraio, Portoazzurro rappresenta il paese più ridente e piacevole dell'isola con tanti ristoranti e tante stradine brulicanti di turisti. Il porto è attrezzato con una banchina per i grandi yachts e posti barca su pontili galleggianti. Fuori del porto una grande golfo, quello di Mola, ospita nelle notti estive centinaia di imbarcazioni che non hanno trovato posto in banchina. Navigando ora nella parte dell'isola che guarda terra e quindi a est incontriamo Rio Marina, un piccolo paese con un porto scalo di traghetti, ma non molto comodo per la sosta. A seguire il Cavo dove i venti girano i continuazione per la gioia o la disperazione dei velisti, rappresenta il punto più vicino alla terra ferma e l'estremità isolana del cosiddetto canale di Piombino. Dal Cavo a Portoferraio rimangono circa tre miglia di distanza e si incontrano in successione le baie di Nisporto e Nisportino fino a giungere in località Magazzini, estremo punto a sud del golfo di Portoferraio. Qui ci si ridossa con forte scirocco. A nord ovest una grande baia con fondo fangoso non è ottimo tienitore e di conseguenza non offre ancoraggi sicuri quando i venti rinforzano.